Partecipa alle iniziative delle nostre sedi locali!
Scopri

Consociazione Nazionale dei Gruppi donatori di sangue FRATRES

Via Benedetto Dei, 74/76 - 50127 - Firenze (FI)
Tel. 0550139179 Fax 0550139184

Terapia anti-Covid19 a base di plasma iperimmune: la Fratres contribuisce alla sperimentazione

Il punto sulla situazione

05/05/2020

In questi giorni, a seguito di quanto avviato nelle passate settimane nel Nord Italia, a Pavia, Mantova e Lodi, dopo i primi risultati ottenuti in Cina dai medici di Shangai, il tema della sperimentazione dell'utilizzo del plasma iperimmune sui pazienti contagiati da Covid19 è diventato virale.
Purtroppo in certi casi sono state comunicate notizie sommarie o inesatte che non contribuiscono certamente alla veicolazione di una corretta informazione.

La FRATRES quindi, quale Associazione di donatori di sangue ed emocomponenti di livello nazionale riconosciuta dal Ministero della Salute, impegnata anche nella Campagna social #iostoattentomadono, con il presente articolo vuole dare qualche raccomandazione ed alcune notizie più complete sulle iniziative messe in atto o in programmazione sull'intero territorio nazionale, con particolare riferimento alle regioni nelle quale è più ramificata.

IL CONTRIBUTO DELLA FRATRES ALLA SPERIMENTAZIONE

"Il nostro contribuito alla sperimentazione e la nostra disponibilità - afferma il Presidente Nazionale FRATRES, Prof. Vincenzo Manzo - è iniziato da settimane. Purtroppo la fase iniziale, avvenuta nel Nord Italia, non ci ha visto direttamente coinvolti, in quanto, ad oggi, siamo presenti nel Veneto ma non in Lombardia, però, già dalla seconda decade di Aprile, abbiamo sostenuto, pubblicizzato e collaborato, attraverso le nostre articolazioni operanti nel Centro Italia ed i donatori iscritti ai nostri Gruppi, alla sperimentazione effettuata dall'AOUP - Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana, capofila nazionale di un protocollo di ricerca che prevede l'utilizzo terapeutico del plasma iperimmune di pazienti convalescenti e guariti dal COVID-19 su malati critici contagiati dal medesimo virus (per maggiori informazioni http://donatorih24.it/…/04/21/terapia-plasma-toscana-covid…/).

Le regioni coinvolte da tale terapia sperimentale sono Toscana, Marche, Lazio, Campania, Umbria e, insieme a loro, anche l’Ispettorato della Sanità Militare. Enti che già collaborano da anni in un consorzio interregionale denominato “Planet” per la lavorazione dei plasmaderivati. Infatti il plasma sarà anche diventato più "famoso" in questi giorni ma è da anni un prezioso emocomponente con il quale vengono realizzati medicinali ed effettuate terapie utili per la cura di svariate patologie (per maggiori informazioni http://www.italiaplasma.it/medicinali-plasmaderivati).

In questi giorni inoltre, dalle nostre articolazioni operanti nelle altre regioni, stiamo ricevendo notizie di altre iniziative similari in corso di progettazione e programmazione nel Sud Italia ed isole, sulle quali non mancheranno ulteriori articoli, seguendole con attenzione."

ATTENZIONE AI MESSAGGI CHE GIRANO

"Poiché circolano in questi ultimi giorni sui social e nei principali sistemi di messaggistica, comunicazioni dai toni generici e sensazionalistici - prosegue il Presidente Manzo - vogliamo precisare che il plasma iperimmune, donato da chi è guarito, si è dimostrato, in molti casi, efficace alla neutralizzazione del virus, grazie agli anticorpi in esso presenti, avendo registrato che con una donazione è possibile curare in media 2 pazienti che, dopo 24-48 ore di terapia, mostrano, con una certa costanza, i primi progressi. E' però altrettanto vero che con tale plasma si somministrano anche sostanze non necessarie per il trattamento di alcune patologie.

Quindi questa rappresenta una terapia sperimentale ed emergenziale, che tra l'altro era già nota per altre malattie. Ecco perché è in atto lo studio di quali siano gli anticorpi efficaci per poi separarli da quanto non occorrente ed opportuno per evitare altri rischi.

Inoltre deve anche essere fatta un'ulteriore valutazione considerando che alla base di tutto appunto c'è il plasma ricco di anticorpi donato da pazienti guariti. Tra questi vi sono quelli che già prima del contagio donavano plasma, iscritti alle associazioni del dono e no, e che risultano ancora un sottoinsieme del numero totale dei donatori attivi, e chi invece non ha mai donato e quindi si approccia a questa possibilità per la prima volta e che è noto, se ha effettuato un tampone, solo alle strutture sanitarie. Quindi, soprattutto allargando l'utilizzo, come considerato dai ricercatori statunitensi e da quelli dell'AOUP, ai pazienti meno gravi di infezione da virus, come chi ha una polmonite lieve e moderata, e non solo a quelli in terapia intensiva, occorre anche valutare il fabbisogno di plasma iperimmune in modo da studiare strategie per raggiungere, sensibilizzare e coinvolgere il maggior numero di persone guarite.

Come avviene anche per tematiche diverse, sia emergenziali che no, suggeriamo quindi non solo di informarsi sempre attraverso le competenti fonti istituzionali ed associative del settore per non crearsi false aspettative, ma anche di non condividere con troppa superficialità messaggi o appelli che, una volta diffusi, creano un effetto mediatico virale che finisce per ritorcersi contro la comune volontà di uscire al più presto da questa pandemia."

LA TESTIMONIANZA DI UN DONATORE

"Tanti sono stati i donatori dei Gruppi FRATRES che hanno risposto al nostro appello e si sono messi a disposizione per la sperimentazione - conclude il Presidente Manzo - ed ovviamente non è possibile citarli tutti ma ringraziamo, attraverso la testimonianza che segue, ciascuno di loro che, dopo aver combattuto e sconfitto il virus, si è messo anche a disposizione del prossimo con l'animo generoso e solidale che contraddistingue chi dona: farsi parte attiva della tutela della salute altrui !

La testimonianza di cui al link https://bit.ly/2zf6INK che è stata realizzata e pubblicata da poche ore grazie alla sempre più crescente collaborazione tra l'Area Comunicazione Nazionale FRATRES e Donatori H24 nonché ovviamente alla disponibilità del donatore e dei nostri responsabili sul territorio, ben rappresenta come la tutela del Diritto alla Salute, sancito dalla Costituzione, abbia bisogno della scienza, per le ricerche e le conseguenti scoperte, accompagnata anche dalla coscienza di chi, come ogni donatore, sa farsi strumento di bene."

fonte : Area Comunicazione Fratres Nazionale

Galleria immagini

Scopri tutti gli EVENTI del Consociazione Nazionale dei Gruppi donatori di sangue FRATRES

Leggi le NOTIZIE del Consociazione Nazionale dei Gruppi donatori di sangue FRATRES

  • Giornata Nazionale Fratres #GNF2020

    05/07/2020

    Oggi, Domenica 5 Luglio 2020, la Fratres compie 70 anni di esperienza associativa al servizio di chi ha bisogno di terapie trasfusionali, festeggiando la Quarta Giornata Nazionale Fratres (#GNF2020)❣️ ❤️ LA STORIA DI 70 ANNI Il lontano 5 Luglio 1950, infatti, un donatore del Gruppo Fratres di Empoli (FI) dette il via, con il suo generoso gesto, alle donazioni Fratres di tutta ...

    ...segue

  • Il Tempio Internazionale del Donatore “luogo del cuore” FAI: Avis, Fidas, Fratres e Aido invitano a votarlo

    Ci sono luoghi simbolo che vanno oltre il proprio territorio, carichi di significati che oltrepassano confini e identità locali. Il Tempio Internazionale del Donatore di Pianezze di Valdobbiadene (TV), in Veneto, da più di 50 anni incarna l’amore per il prossimo e la pace, l’abbraccio tra natura e solidarietà. Incastonato in un luogo incantevole e suggestivo, ...

    ...segue

  • Locandina Fratres WBDD2020

    14 GIUGNO 2020 - GIORNATA MONDIALE DEL DONATORE

    Dal 2004 il 14 Giugno di ogni anno viene festeggiata la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue (World Blood Donor Day) proclamata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il 14 Giugno è stato scelto in quanto giorno di nascita del biologo austriaco Karl Landsteiner, scopritore nel 1900 del sistema AB0, il più importante tra i sistemi di gruppi sanguigni umani ...

    ...segue

  • Plasmaterapia iperimmune, studio Tsunami scelto come modello per la sperimentazione nazionale - la Fratres commenta con soddisfazione e gioia la notizia

    12/05/2020

    Solo il 5 Maggio scorso avevamo condiviso, attraverso le dichiarazioni del Presidente Nazionale Fratres e la testimonianza di uno dei tanti donatori che si erano resi disponibili, la notizia della collaborazione della Fratres, attraverso le proprie articolazioni territoriali e i Gruppi di donatori coinvolti, alla sperimentazione effettuata dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana (AOUP) ...

    ...segue

  • Terapia anti-Covid19 a base di plasma iperimmune: la Fratres contribuisce alla sperimentazione

    05/05/2020

    In questi giorni, a seguito di quanto avviato nelle passate settimane nel Nord Italia, a Pavia, Mantova e Lodi, dopo i primi risultati ottenuti in Cina dai medici di Shangai, il tema della sperimentazione dell'utilizzo del plasma iperimmune sui pazienti contagiati da Covid19 è diventato virale. Purtroppo in certi casi sono state comunicate notizie sommarie o inesatte che non ...

    ...segue

Consiglio Direttivo Consociazione Nazionale dei Gruppi donatori di sangue FRATRES

Presidente VINCENZO MANZO
Vice Presidente SERGIO BALLESTRACCI
Segretario GIANCARLO BOZZI
Amministratore MICHELE LIGUORI
Consigliere PASQUALE ARBORE
Consigliere SANTO MAURIZIO ARDITO
Consigliere Deborah Cafiero
Consigliere FRANCESCO CHITI
Consigliere Abele DI LONARDO
Consigliere STEFANO GABBUGGIANI
Consigliere PIER LUIGI LAZZARINI
Consigliere GRAZIANO NOTTOLI
Consigliere di Presidenza GIOVANNI CINQUINI
Consigliere di Presidenza Luigi Mangione
Consigliere di Presidenza GIOVANNI PAGLIONICO